Italian Folk - Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi (Venetan translation)

Italian (Northern dialects)

Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi

Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi, föra li palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi ch’andùm a cà.
 
A scüsa, sciur padrùn,
sa l’èm fat tribülér:
i éran li prèmi vòlti,
i éran li prèmi vòlti.
A scüsa sciur padrùn
sa l’èm fat tribülér:
i éran li prèmi vòlti,
ca ’n saiévum cuma fér.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi, föra li palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi ch’andùm a cà.
 
Prèma a l’rancàun,
e pò dòpo a l’s-ciancàun,
e adès ca l’èm tòt via,
e adès ca l’èm tòt via.
Prèma a l’rancàun
e pò dòpo a l’sciancàun,
e adès ca l’èm tòt via,
al salütém e pò ’ndèm via.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi, föra li palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi ch’andùm a cà.
 
Al nòster sciur padrùn
l’è bòn cóme ’l bòn pan,
da stér inséma a l’èrsen,
da stér inséma a l’èrsen.
Al nòster sciur padrùn
l’è bòn cóme ’l bòn pan,
da stér inséma a l’èrsen,
al dis «Fé andér cal man.»
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi, föra li palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi ch’andùm a cà.
 
E non va più a mesi
e nemmeno a settimane,
la va a pochi giorni,
la va a pochi giorni.
E non va più a mesi
e nemmeno a settimane,
la va a pochi giorni,
e poi dopo andiamo a cà.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi, föra li palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra li palanchi ch’andùm a cà.
 
E non va più a mesi
e nemmeno a settimane,
la va a poche ore,
la va a poche ore.
E non va più a mesi
e nemmeno a settimane,
la va a poche ore,
e poi dopo andiamo a cà.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi, föra cal palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi ch’andùm a cà.
 
Incö l’è l’ùltim giüren
e admàn l’è la partenza,
farém la riverenza,
farém la riverenza.
Incö l’è l’ùltim giüren
e admàn l’è la partenza,
farém la riverenza
al nòster sciur padrùn.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi, föra cal palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi ch’andùm a cà.
 
E quand al tréno s-céffla,
i mundéin a la stassión,
con la cassiètta in spala,
con la cassiètta in spala.
E quand al tréno s-céffla,
i mundéin a la stassión,
con la cassiètta in spala,
su e giù per i vagón.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi, föra cal palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi ch’andùm a cà.
 
Quando saremo a casa
dai nostri fidanzati,
ci daremo tanti baci,
ci daremo tanti baci.
Quando saremo a casa
dai nostri fidanzati,
ci daremo tanti baci,
tanti baci in quantità.
 
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi, föra cal palanchi.
Sciur padrùn da li bèli braghi bianchi,
föra cal palanchi ch’andùm a cà.
 
  • 1. Questo è un canto popolare delle mondine, le donne che giravano per tutto il nord Italia per lavorare nelle risaie.
    La lingua è una specie di lingua franca usata dalle mondine per comunicare tra loro (che parlavano dialetti diversi), consistente in un misto di italiano e vari dialetti (veneto, lombardo, emiliano, piemontese,…).
    https://it.wikipedia.org/wiki/Sciur_padrun_da_li_beli_braghi_bianchi
Submitted by Stefano8 on Sun, 01/11/2015 - 18:43
Last edited by Stefano8 on Sat, 01/07/2017 - 18:39
Align paragraphs
Venetan translation

Sior paron coe bee braghe bianche

Sior paron coe be’e braghe bianche
fora ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
El scuse, sior paron
se ‘o ghemo fato triboear
a‘e jera ‘e prime ‘olte
a‘e jera ‘e prime ‘olte
El scuse, sior paron
se ‘o gh’emo fato triboear
a‘e jera ‘e prime ‘olte
ca no’ save’imo mia cóme far.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
Prima ‘o sbarba’imo
e po’dopo ‘o scaveza’imo
e ‘desso che ‘o ghemo cavà via
e ‘desso che ‘o ghemo cavà via
Prima‘o sbarba’imo
e po’dopo ‘o scaveza’imo
e ‘desso che ‘o ghemo cavà via
eo saeudemo, e po’ ‘ndemo ‘ia.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
El nostro sior paron
‘l xe bon co’fa el pan bon
par star co’nialtre su l’arz’re
par star co’nialtre su l’arz’re
El nostro sior paron
‘l xe bon co’fa el pan bon
par star co’nialtre su l’arz’re
‘l dixe: “Fe’ ‘ndar chee man!”
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
E no’ ‘a va pì a mesi
e gnanca a setimane,
ea va a pochi jorni,
ea va a pochi jorni
E no’ ‘a va pì a mesi
e gnanca a setimane,
ea va a pochi jorni,
e po’ dopo ‘ndemo casa.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
E no’ ‘a va pì a mesi
e gnanca a setimane,
ea va a poche ore,
ea va a poche ore,
E no’ ‘a va pì a mesi
e gnanca a setimane,
ea va a poche ore,
e po’ dopo ‘ndemo casa.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
Ancuò ‘l xe ‘l ultimo, ‘o giuremo
e doman xe ‘a partensa
faremo‘a riverensa
faremo ‘a riverensa
Ancuò ‘l xe ‘l ultimo, ‘o giuremo
e doman xe ‘a partensa
faremo ‘a riverensa
al nostro sior paron.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche, fòra ‘e paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra ‘e paeanche che ‘ndémo casa.
 
E co’ ‘l tren ‘l fìs-cia
‘e mondine aea stassion
co’ ‘a cassèa soa spaea
co’ ‘a cassèa soa spaea
E co’ ‘l tren ‘l fìs-cia
‘e mondine aea stassion
co’ ‘a cassèa soa spaea
so e zo pa’i vagoni.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra chee paeanche, fòra chee paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra chee paeanche che ‘ndémo casa.
 
Co’ che saremo casa
dai nostri morosi
se daremo tanti basi
se daremo tanti basi
Co’ che saremo casa
dai nostri morosi
Se daremo tanti basi
tanti basi in quantità.
 
Sior paron coe be’e braghe bianche
fòra chee paeanche, fòra chee paeanche
sior paron coe be’e braghe bianche
fòra chee paeanche che ‘ndémo casa.
 
Submitted by annabellanna on Wed, 05/07/2017 - 16:53
Comments
Hampsicora    Fri, 07/07/2017 - 12:04

Ciao Anna. Ti ringrazio per aver precisato la lingua della canzone originale nel commento alla traduzione di Stefano. Chi non conosce queste differenze potrebbe facilmente confondere queste varietà settentrionali.

annabellanna    Fri, 07/07/2017 - 14:08

Ciao Marco.Effettivamente c'è stato uno scambio di informazioni e diverse ricerche in seguito. Da quello che personalmente mi risulta, dopo essermi documentata, sembra che la lingua che fa la parte del leone nella versione originale sia l'idioma parlato nella zona di confine tra Piemonte e Lombardia, in particolare nella zona intorno a Novara. Guardando una dettagliatissima cartina degli idiomi del territorio italiano, siamo in una zona di faglia tra un piemontese occidentale e un lombardo orientale che ha forti influenze emiliane: un bel casino, insomma!
Ma in particolare il plurale femminile in "i"(beli braghi bianchi) sembra sia peculiare del novarese. Il fatto poi che i canti delle mondine siano per necessità un patchwork di idiomi rende la cosa ancora più difficile.
Io stessa, che provengo dalla zona di faglia tra il veneto orientale e quello centrale, sento variazioni di lessico e pronuncia all'interno del mio stesso territorio, al punto che credo che non ci siano due persone che parlino una lingua identica, e non solo nella mia zona.
E' insieme il bello e il brutto degli idiomi non codificati né costretti a regole, che "scivolano" da tutte le parti; ma se cerchi di mettere dei confini, ci sarà una larga parte di parlanti che quella lingua non la riconoscerà come propria: così fioriscono le varianti dialettali a iosa, e l'idioma così codificato rischia di svuotarsi dall'interno. In Veneto ormai ci sono due "partiti": quello che caldeggia la diffusione di una lingua unilateralmente proclamata "ufficiale", con una grafia ufficiale, un inno e una bandiera ufficiali; e chi rifiuta questa omologazione , anche per i presupposti su cui si basa e gli inevitabili corollari patriottico-razzisti che facilmente ne derivano.
Inutile dirti che io sono d'accordo con questi ultimi...
Un caro saluto

Hampsicora    Fri, 07/07/2017 - 17:23

In effetti avevo notato questo plurale feminile in "i" che non risulta né nella traduzione veneta né in quella lombarda. Quindi probabilmente hai ragione, si tratta di una varietà diversa, forse più occidentale. Mi chiedo fino a che punto queste varietà settentrionali siano mutuamente comprensibili tra loro e fino a che punto la lingua della canzone sia una sorta di "interlingua" settentrionale, condivisibile in tutta l'area padana, e non piuttosto un idioma locale, legato a una zona particolare dove era più intensa la coltivazione del riso.
Per il resto sono d'accordo con te in pieno: il nazionalismo, soprattutto quando è basato su presupposti razzisti, è un rullo compressore di tutte le minoranze che teoricamente vorrebbe tutelare, e la lingua è solo un pretesto per raggiungere altri scopi meno nobili.
Ciao Anna, un abbraccio.

Stefano8    Tue, 22/08/2017 - 12:21

Aggiungo alcune informazioni:
Nel lombardo orientale, il plurale ha maschile e femminile, ma in bergamasco (anche se non in ogni variante) l'articolo plurale femminile è uguale a quello maschile ("i", non "le").
Nel lombardo occidentale (milanese, varesotto, etc., non so esattamente in quali/quante varietà) il plurale non distingue maschile e femminile.
Per un lombardo, gli altri dialetti lombardi sono comprensibili direi almeno al 50%, anche se per i "cittadini" è più difficile capire le varianti delle montagne (dialetto più "stretto") che non viceversa.
Un dialetto "misto" come quello di questa canzone, con anche molto influsso italiano, non presenta problemi, se non per singole parole che pure si possono indovinare dal contesto.

Un'altra cosa curiosa è che questa canzone suona assolutamente "forestiera", ovvero per un bergamasco (parlo per me) è ovvio che non è in bergmasco, tuttavia suona anche molto più "familiare" che una canzone in italiano.
Inoltre non viene mai adattata per essere più vicina al bergamasco: viene sempre cantata in questa versione standard (ovvero: cambia il numero di strofe, o il loro ordine o contenuto, come in molte canzoni popolari, ma non cambia mai la grammatica).